Cinque delle migliori antieroine della letteratura europea.

traduzione a cura di Gianluca Turconi

Clicca su una delle copertine sottostanti per leggere il romanzo che preferisci!

Leggi il romanzo crime thriller "Destino criminale" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Tijuana Express" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "Protocollo Aurora" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "La fine del gioco" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "Gli Dei del Pozzo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "Il Cavaliere del Tempio" di Gianluca Turconi su Amazon

Questo approfondimento è nato con l'idea di scrivere di grandi personaggi femminili nella letteratura europea. Quelli che rompono gli schemi. Facendo un po' di ricerca, è nato il termine "antieroina". E così è stata creata una serie di personaggi che potrebbero rientrare in quella categoria (vedi sotto per saperne di più su di loro). Così ho anche iniziato a vedere cosa significasse il termine "antieroina" e ho cominciato a preoccuparmi.

L'attrice Greta Garbo in una grande interpretazione di Anna Karenina - Immagine in pubblico dominio, fonte Europeana

L'attrice Greta Garbo in una grande interpretazione di Anna Karenina.

Tecnicamente, è semplice: un'antieroina è l'opposto di un'eroina. Secondo l'Oxford English Dictionary e Wikipedia, significa "priva" di qualità eroiche tradizionali - cose come il coraggio, la forza e la moralità.

L'antieroina è una protagonista femminile che non è limitata dalle aspettative che ci si attende da loro, qualcuno che fa "scelte di vita non convenzionali". Il problema è che le convenzioni e le aspettative hanno sempre avuto molto a che fare con il genere. Così ho capito che essere antieroina significava rompere gli equilibri, non più femminili, diventare "altro".

Oggi, la nostra definizione di ciò che significa essere femminile è molto più ampia di quella che limitava gli autori dei personaggi descritti di seguito. Quindi, classificare questi personaggi come antieroi diviene ora problematico. Tutti rompono lo schema femminile del loro tempo - che possiedano o meno la bellezza, nessuna si lascia trainare, seguono i propri desideri, si difendono da sole.

È proprio questo "cattivo comportamento" antieroico e la determinazione a "sfidare i codici etici convenzionali" che le rende reali e relazionabili. Caratterizzarle come "antieroiche" e quindi "carenti", sembra sbagliato. Sono forti, indipendenti, coraggiose, appassionate, tempestose, intelligenti, arrabbiate, a volte anche malvagie. E ci mostrano che anche quando una vita è forzata, da codici comportamentali patriarcali, al matrimonio e alla maternità, va bene volere più di questo, trovare un modo per ottenere più di questo. Ci dicono che ciò che una donna vuole per sé stessa è più importante di ciò che la società si aspetta da lei. Questo dimostra grande coraggio, forza e moralità, non è vero? Non le rende "antieroiche", ma genuinamente "eroiche".

In qualunque modo si voglia categorizzarli, ecco cinque rompicapo della grande letteratura europea:

Jane Eyre, di Jane Eyre, di Charlotte Brontë.

Quando finalmente sono riuscito a leggere questo libro, mi ha fatto sorridere e ridere. Dove sei stata per tutta la mia vita, Jane? Nonostante venisse dall'epoca vittoriana, Jane per me era una boccata d'aria fresca. Jane è orfana fin dall'inizio, (modo solido per iniziare una storia - vedi quasi tutti i film Disney), ma non è benedetta dalla bellezza come le altre eroine Disney. Né le viene dato di andare d'accordo con cose con cui non è d'accordo. Quindi, brutta e sgradevole, deve avere invece una personalità. Ed è una grande personalità. Andate e leggete questo romanzo.

Mi prendo cura di me stessa. Più sono solitaria, più sono priva di amici, più sono insostenibile, più mi rispetterò".
(Jane Eyre, Charlotte Brontë)

Madame Bovary, di Madame Bovary di Gustave Flaubert.

Questo romanzo l'ho letto a vent'anni, senza alcuna empatia per Emma. Sono stati il suo comportamento e le sue decisioni sbagliate che hanno portato a un dolore sempre maggiore e a un finale tragico. Ma sono stato ingenuo. Cos'altro poteva fare? Una ragazza con grandi ambizioni, intrappolata in un'esistenza domestica mediocre e soffocante. Ai giorni nostri, avrebbe un blog su cui scrivere quale terribile genitore fosse, mentre nel frattempo cerca un appuntamento con un profilo anonimo su Tinder. Ma a metà del XIX secolo in Francia, sposata con un medico locale poco attento e poco entusiasta, ha dovuto farsi prendere a calci dalla lettura di romanzi romantici e dal fallimento in una serie di relazioni adulterine.

Voleva morire, ma anche vivere a Parigi.
(Madame Bovary, Gustave Flaubert)

Lady Macbeth, del Macbeth di William Shakespeare.

È l'epitome del cliché che dietro ogni grande uomo, c'è una grande donna. Se per grande, si intende astuta e assassina. Quando Macbeth dubita della sua capacità di uccidere Re Duncan, lei è proprio dietro di lui che gli consegna il coltello e lo spinge fuori dalla porta. Forte, ambiziosa, ben organizzata. E alla fine guidata alla follia dal senso di colpa. Non sono sicuro se questa sia un'antieroina o un semplice cattivo vecchio stampo. In ogni caso, è impressionante.

Macbeth: Se dovessimo fallire?
Lady Macbeth: Fallire?
Rinsaldate il vostro coraggio al punto giusto
e non falliremo".
(Macbeth, William Shakespeare)
Un fotogramma tratto dal film "Cime tempestose" del 1939 rappresentante i tragici protagonisti Catherine e Heathcliff - Immagine in pubblico dominio, fonte Europeana

Un fotogramma tratto dal film "Cime tempestose" del 1939 rappresentante i tragici protagonisti Catherine e Heathcliff.

Anna Karenina, di Anna Karenina di Leo Tolstoj.

Una donna bella e inebriante nell'alta società, oggetto delle infatuazioni di molte persone, soccombe alla fine a una relazione, si innamora follemente e si rende conto che il suo matrimonio offre poca gioia. Franca, indipendente e determinata, scappa dal marito per stare con l'amante. Purtroppo, non finisce bene.

Tutte le ragazze del mondo erano divise in due classi: una classe comprendeva tutte le ragazze del mondo eccetto lei, e avevano tutte i soliti sentimenti umani ed erano ragazze molto comuni; mentre l'altra classe, da sola, non aveva debolezze ed era superiore a tutta l'umanità.
(Anna Karenina, Leo Tolstoj)

Catherine Earnshaw, di Cime temestose di Emily Brontë.

Torniamo alle sorelle Brontë, i cui personaggi impersonificano le spesso desolate e spietate brughiere dello Yorkshire che abitano. Questa è una di quelle storie del XIX secolo in cui un genitore benevolo adotta un bambino senza tetto e ribelle, sostituendo l'ordine domestico pacifico con il caos. Qui, Heathcliff è il bambino randagio e Catherine la figlia legittima testarda che si innamora di lui, ma sposa un'altra persona di migliore estrazione sociale. Nella trama, Heathcliff diventa improvvisamente ricco, ma Catherine rimane una moglie fedele e poi muore tragicamente giovane (18 anni) per cui non riescono mai a stare insieme. Almeno non nella vita. Lei torna come spettro per perseguitare Heathcliff e lui muore nella sua vecchia camera da letto prima di essere sepolto accanto a lei.

"Heathcliff, sono io, sono Cathy, sono venuta a casa mia".

Ok, ok, andiamo pure avanti...

Perché non dovresti soffrire? Io lo faccio! Ti dimenticherai di me? Sarai felice quando sarò sepolta? Dirai tra vent'anni: "Quella è la tomba di Catherine Earnshaw. L'ho amata molto tempo fa e sono stato miserabile a perderla, ma è passato. Ho amato molti altri da allora: i miei figli mi sono più cari di lei; e alla mia morte non mi rallegrerò di andare da lei; mi dispiace doverli lasciare!" Lo dirai tu, Heathcliff?
(Cime temestose, Emily Brontë)

Licenza del testo e altre informazioni di copyright

Il testo è rilasciato sotto licenza Creative Commons BY-SA 3.0, © Europeana. Traduzione italiana © 2019, Gianluca Turconi.

Torna a inizio pagina


RSS - FAQ - Privacy

Copyright © 2006-2019 Gianluca Turconi - Tutti i diritti riservati