I Santi, supereroi del Medio Evo

a cura di Sarah Salih

traduzione italiana a cura di Gianluca Turconi

Clicca su una delle copertine sottostanti per leggere il romanzo che preferisci!

Leggi il romanzo thriller  "Codice Silenzio" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi la trilogia fantasy "La Saga del Pozzo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Figli del Congo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Destino criminale" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Tijuana Express" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "Protocollo Aurora" di Gianluca Turconi su Amazon

I santi erano i supereroi e le celebrità della cultura europea medievale. Come i supereroi, erano esseri umani ordinari che in qualche modo erano diventati straordinari, usando i loro poteri speciali per aiutare i loro sostenitori e per proteggere i vulnerabili. Come le celebrità, erano figure eccezionali che potevano essere conosciute virtualmente attraverso molteplici media. Le vite dei santi erano scritte come storie (conosciute come agiografie), raccontate in sermoni e rappresentate in opere teatrali; i santi erano rappresentati in immagini narrative che mostravano gli eventi delle loro vite terrene e delle loro vite dopo la morte, in immagini di culto che erano il centro della preghiera e del pellegrinaggio, in distintivi per pellegrini prodotti in massa che servivano come ricordi di una visita a un santuario dove erano ospitate un'immagine di culto o le reliquie corporee del santo. In Gran Bretagna i santuari e molte opere d'arte furono distrutti durante la Riforma, ma i testi e le immagini dei santi sopravvivono nei manoscritti; abbiamo le vite in inglese medio di quasi trecento santi. Uomini e donne, ricchi e poveri, colti e analfabeti - tutti partecipavano alla devozione ai santi.

Sant'Edmondo martire, re d'Anglia orientale - Immagine in pubblico dominio, fonte Wikimedia Commons

Sant'Edomondo, re dell'Anglia Orientale nel IX secolo d.C., fu sconfitto e ucciso dagli invasori danesi, per poi divenire un martire cristiano di prima grandezza in Inghilterra.

Un culto dei morti: santi cristiani martirizzati

Tutte le religioni distinguono e onorano le persone che raggiungono una santità speciale o un eroismo spirituale. Il culto cristiano dei santi era originariamente un culto dei morti che ricordava i martiri della prima fase del cristianesimo, i quali scelsero di morire piuttosto che rinunciare alla loro fede. Tali scontri sono certamente avvenuti e il Nuovo Testamento racconta le esecuzioni di diversi apostoli e discepoli cristiani primitivi: una pagina del Salterio Huth (Add MS 38116, f. 12v) mostra le morti dei santi Pietro, Andrea, Paolo e Stefano.

Le leggende dei martiri, spesso incentrate su lunghe, estenuanti ed esplicite sequenze di violenza, erano così popolari che le epoche successive inventarono dozzine di altri santi paleocristiani essenzialmente fittizi, con siti commemorativi all'altezza, ognuno dei quali serviva a proteggere e dare dignità a un luogo. Particolarmente popolari erano le leggende delle vergini martiri, racconti di ragazze adolescenti appassionate e ribelli che rifiutavano le loro famiglie pagane e i loro pretendenti per affermare la loro scelta sessuale e religiosa di essere vergini e spose di Cristo. Sono sempre martirizzate e accolte in paradiso alla fine della storia, dopo aver sfidato l'autorità, resistito alla tortura, compiuto miracoli e convertito folle comprensive. Santa Margherita di Antiochia, una delle più venerate tra le vergini, fu visitata nella sua cella di prigione da un drago demoniaco che la inghiottì. Facendo il segno della croce dall'interno della bestia, Margherita fece esplodere il drago ed emerse trionfante.

Imitare i santi: la vita di Margery Kempe

La gente era esortata sia a imitare le virtù dei santi sia a meravigliarsi dei loro successi miracolosi. Anche se le ambientazioni delle leggende delle vergini martiri erano esotiche e i loro eventi estremi e violenti, questi santi potevano ancora essere imitati. A Lynn, Norfolk, nel XV secolo, Margery Kempe, una figlia e moglie dell'élite urbana e madre di quattordici figli, dettò la storia della sua vita e le sue aspirazioni alla santità in un'opera nota come Il libro di Margery Kempe. Si identificò con i santi che avevano peccato, si erano pentiti ed erano stati perdonati, come il padre della Chiesa Sant'Agostino di Ippona (Harley MS 2897, f. 157v), che si convertì dal manicheismo, e la penitente biblica Maria Maddalena (Add MS 50005, f. 136v).

Ma Kempe citava anche le vergini martiri come modelli. Margherita, il suo nome-santa e la dedicataria della sua chiesa parrocchiale, le appariva in visioni. Il sindaco di Leicester arrestò e interrogò Kempe, paragonandola a Santa Caterina: "Ah", disse il sindaco, "Santa Caterina disse da quale famiglia proveniva, eppure tu non sei come lei, perché sei una sgualdrina, una lollarda e un'ingannatrice del popolo, e perciò ti manderò in prigione"". [nota 1] Caterina di Alessandria era una vergine martire che sconfisse cinquanta filosofi pagani in un dibattito, allineando così il sindaco con i tiranni pagani che perseguitavano i santi (Yates Thompson MS 3, f. 281v). E il successo finale di Kempe nel persuadere suo marito ad accettare un voto di castità fu sicuramente ispirato dalla vergine martire romana Santa Cecilia (Harley MS 2897, f. 440v) che convertì suo marito alla castità durante la loro notte di nozze.

Santi in alto loco: Sant'Edoardo il Confessore e Sant'Edmondo il Martire

Una volta che il cristianesimo divenne una religione affermata, produsse alcuni santi che furono modelli esemplari. Re, regine, vescovi, abati e badesse sante mostravano come le persone privilegiate dovessero usare i loro poteri in modo responsabile; le loro leggende tipicamente aggiungevano elementi miracolosi alla vita storica. Sant'Edoardo il Confessore (1003-1066) era un re pio che attirava storie di miracoli sulla sua cura per il suo popolo: in immagini agiografiche lo si vedeva portare un povero lebbroso in una chiesa dove veniva guarito. Un altro re anglosassone, Sant'Edmondo martire, che governò l'Anglia orientale nel IX secolo, fallì come re ma ebbe invece successo come santo. Sconfitto e ucciso dai danesi invasori, fu ricordato come un martire e il suo culto fu promosso dai re danesi che lo sostituirono.

Solitudine e demoni: la vita di Guthlac

Spesso, tuttavia, i santi trasgredivano o si ritiravano dalle normali strutture sociali. I primi praticanti del ritiro nella tradizione cristiana furono i Padri e le Madri del deserto che vissero in solitudine o in piccoli gruppi nei deserti dell'Egitto e del Medio Oriente dal III secolo. Il più famoso di questi fu Sant'Antonio d'Egitto: cercando di seguire l'esempio di Cristo, Antonio diede la sua eredità ai poveri e lasciò la sua famiglia per vivere come eremita nel deserto, affrontando battaglie quotidiane con i demoni che lo tormentavano e lo tentavano.

In Gran Bretagna, le paludi e i boschi presero il posto del deserto. San Guthlac (673-714) si allontanò dal secolare stile di vita maschile di un nobile guerriero per diventare prima un monaco, poi un eremita nelle paludi di Crowland, nel Lincolnshire. Lì, come Antonio, fu messo alla prova e torturato dai demoni che, cercando di scoraggiare le sue aspirazioni spirituali, "lo sollevarono in alto nell'aria... così che davanti ai suoi occhi vide tutte le azioni di tali uomini nei monasteri... che si godevano la vita secondo il loro appetito per i beni senza valore e le vanità superflue".[nota 2]

I demoni non devono essere presi alla lettera; anche se sono insistentemente fisici nelle immagini, potrebbero essere stati intesi e compresi come figure allegoriche del tumulto psicologico di Guthlac. In ogni caso, il combattimento con i demoni nella sua solitudine intensificò l'allenamento di Guthlac come atleta spirituale, permettendogli di sviluppare il carisma, l'autorità e la competenza che usò per servire la comunità, scacciando un demone da un uomo afflitto e consigliando il principe esiliato Æthelbald.

La carriera di Guthlac illustra la funzione del santo come, nel termine di Peter Brown, un "uomo-cerniera", che è capace di mediare tra la terra e il cielo. Mostra anche come un santo consacra un luogo. Il ritiro di Guthlac apre un portale verso il mondo soprannaturale nelle paludi e il suo eremo diventa il sito dell'Abbazia di Crowland.

Santi immaginari: San Cristoforo e Santa Brigida

Alcuni dei santi più popolari e potenti non sono mai esistiti. San Cristoforo (Harley MS 2952, f. 163), patrono dei viaggiatori, che portava il Cristo Bambino, si diceva fosse un gigante e talvolta anche uno degli uomini con la testa di cane che si credeva abitassero in parti remote del mondo (Royal MS 20 A V, f. 73). Si riteneva che un solo sguardo a un'immagine del santo offrisse protezione per l'intera giornata ed è per questo che veniva spesso dipinto sui muri delle chiese. Altri santi possono essere stati spiriti pagani cristianizzati o luoghi sacri; l'irlandese Santa Brigida, la cui leggenda ha alcuni elementi folkloristici, è spesso ritenuta una di queste figure composite.

Dopo la morte: Sant'Edmondo e Santa Margherita

La vita terrena di un santo, per quanto movimentata, era solo il primo capitolo. I santi erano più potenti dopo la morte, come intercessori che potevano aiutare i loro devoti. In teoria potevano solo chiedere a Dio per conto del devoto; in pratica erano spesso percepiti come poteri autonomi. Nel 1433, John Lydgate scrisse una lunga vita in versi di Sant'Edmondo da presentare al giovane re Enrico VI in un manoscritto splendidamente illustrato. La vita di Lydgate raccontava del potere che Edmondo esercitò dopo la sua morte. Edmondo si vendicò dei danesi a cui non era riuscito a resistere in vita con il suo intervento postumo per uccidere il re invasore Sweyn. Continuò a essere uno zelante e ferocemente partigiano protettore dell'Inghilterra, della dignità della sua stessa tomba e dell'abbazia che la ospitava. Quando un astuto ladro tentò di strappare a morsi un gioiello dal santuario mentre si supponeva che lo baciasse, Edmondo si assicurò che fosse bloccato fino a quando non si fosse pentito.

Si credeva che Margherita proteggesse le donne durante il parto a causa della sua uscita sicura dal ventre di un drago. Il suo aiuto era meno legato a una specifica località rispetto a quello di Edmondo: le donne potevano avere bisogno di lei ovunque e così l'aiuto era promesso a qualsiasi famiglia che possedesse una copia della sua vita. In un'epoca in cui il parto uccideva forse il cinque per cento delle donne adulte, non c'è da meravigliarsi che Margherita fosse popolare. Nel 1441, Margaret Paston, appena sposata e incinta del suo primo figlio, diede a suo marito un anello con un'immagine di Santa Margherita da indossare. Sopravvisse a quel parto e ad almeno altri sei.

La Riforma e il culto dei santi

In Inghilterra la Riforma attaccò molte delle manifestazioni del culto dei santi. La Dissoluzione dei Monasteri (1536-41) smantellò i santuari e saccheggiò le ricchezze che avevano raccolto nel corso dei secoli con il santuario e il culto di San Tommaso Becket, l'assassinato arcivescovo di Canterbury che i riformatori consideravano un ribelle contro l'autorità reale, il bersaglio di particolare ostilità. Anche la devozione privata a lui era proibita: il proprietario di un libro di preghiere del XV secolo ritagliò doverosamente una preghiera a Becket, ma evidentemente non poteva sopportare di distruggere anche la bella immagine (Harley MS 2985, ff. 29v-30). I riformatori non si opponevano alla venerazione delle persone sante, ma erano ostili a pratiche come il pellegrinaggio e la preghiera alle immagini di culto e alle reliquie, e si prodigarono a distruggere le infrastrutture che le sostenevano. Ma l'impulso di immaginare e venerare persone che testano i limiti della resistenza umana continuò e oggi i manoscritti sono testimonianze della vita di questi primi santi.

Note a piè di pagina

[1] Libro di Margery Kempe, Libro 1, capitolo 46; traduzione dell'autore.

[2] 'Guthlac A.', in Anglo-Saxon Poetry, editato e tradotto da S. A. J. Bradley (Londra: Dent, 1982), p. 260.

Notizie sull'autore

La dottoressa Sarah Salih è Senior Lecturer in inglese al King's College di Londra, dove insegna e fa ricerca sulla letteratura inglese del tardo Medio Evo, con particolare attenzione alla rappresentazione, al genere, alla cultura materiale e allo spazio. Le sue pubblicazioni includono Versions of Virginity in Late Medieval England e Companion to Middle English Hagiography. La sua ricerca attuale si concentra sul dramma medievale e sulle tracce medievali nel mondo contemporaneo.

Licenza del testo e altre informazioni di copyright

Il testo è rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribution 4.0 International, © Sarah Salih. Traduzione italiana © 2021, Gianluca Turconi.

Torna a inizio pagina


RSS - FAQ - Privacy

Copyright © 2006-2021 Gianluca Turconi - Tutti i diritti riservati.