Il crimine giovanile nella letteratura del XIX secolo

a cura di Matthew White

traduzione italiana a cura di Gianluca Turconi

Clicca su una delle copertine sottostanti per leggere il romanzo che preferisci!

Leggi il romanzo crime thriller "Figli del Congo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Destino criminale" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Tijuana Express" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "Protocollo Aurora" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "La fine del gioco" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "Gli Dei del Pozzo" di Gianluca Turconi su Amazon
Alcuni dei membri della banda di Fagin in "Oliver Twist" - Immagine in pubblico dominio, fonte Wikimedia Commons

Romanzi come Oliver Twist hanno reso familiari i ladri-bambini vittoriani, ma in quale misura la delinquenza minorile è realmente esistita nel XIX secolo? Si devono scoprire i fatti che si celano dietro la finzione.

Il successo di Oliver Twist deve molto alla satira pungente e alle acute osservazioni sociali contenute nelle sue pagine. La miseria delle case di lavoro, gli effetti moralmente corrompenti della povertà e il degrado della vita nelle baraccopoli vittoriane hanno ricevuto l'attenzione di Dickens. Il tema principale del romanzo, tuttavia, è la criminalità, testimoniata in modo più vivo nelle attività della banda di ladri-bambini dalle dita agili di Fagin. Ma quanto era realistico il ritratto di Dickens sulla criminalità tra i ragazzi e le ragazze dell'epoca vittoriana?

Paure popolari

Anche se la criminalità giovanile era stata una preoccupazione fin dal 1700, il declino dell'apprendistato formale e gli effetti dirompenti dell'industrializzazione sulla vita familiare dopo il 1800 hanno fatto molto per creare timori nel grande pubblico sulle attività delle bande criminali di ragazzi e ragazze a Londra e altrove.

Sensazionali storie di crimine e violenza riempirono le pagine della stampa popolare dopo il 1800 con dettagli sulla criminalità giovanile che apparivano su giornali, volantini e opuscoli. Le attività dei cosiddetti "giovanotti" venivano regolarmente segnalate. In massima parte, si trattava di boss criminali che presumibilmente addestravano i giovani ragazzi a rubare e poi vendevano la merce rubata che ricevevano da loro. Thomas Duggin, per esempio, era un famigerato "addestratore di ladri" che nel 1817 lavorava nella baraccopoli di St. Giles a Londra, e nel 1855 il giornale The Times riportava le attività di Charles King, un uomo che gestiva una banda di borseggiatori professionisti. Nella banda di King c'era un ragazzo di 13 anni di nome John Reeves che rubò più di 100 sterline in una sola settimana [Nota 1]. Allo stesso modo, Isaac 'Ikey' Solomon era un noto ricettatore di merce rubata negli anni Dieci e Venti del 1800 che fu arrestato diverse volte e in un'occasione sfuggì alla custodia. Solomon acquisì notorietà per essere stato un addestratore di giovani ladri e fu per qualche tempo (erroneamente) considerato l'ispiratore del personaggio di Fagin di Dickens a causa della sua simile discendenza ebraica.

Anche le "flash-house" ricevettero regolarmente attenzione da parte della polizia durante la prima metà del secolo. Si trattava di pub o di alloggi in cui i beni rubati erano "parcheggiati" ed erano considerati dalla polizia e dai magistrati come 'vivai del crimine' [Nota 2]. Un rapporto del 1817 descriveva le flash-house come contenenti "gruppi o bande distinte" di giovani ragazzi, mentre più tardi, nel 1837, un testimone della polizia ricordò che una casa di Londra aveva "venti ragazzi e dieci ragazze di età inferiore ai 16 anni" che vivevano insieme, la maggior parte dei quali era stata "incoraggiata dal loro "capitano" a borseggiare". [Nota 3].

Crimine minorile: fatto o finzione?

Le prove raccolte dai tribunali e gli articoli di giornale durante la prima metà del XIX secolo suggeriscono che la delinquenza minorile fosse davvero un problema reale. Il borseggio era particolarmente fastidioso, soprattutto il furto di fazzoletti di seta che avevano un valore relativamente alto e potevano quindi essere facilmente venduti. Field Lane a Londra, per esempio, (l'ambientazione della tana di Fagin in Oliver Twist) era la sede di diversi noti ricettatori di merce rubata, in cui si credeva che ogni settimana venissero maneggiati più di 5.000 fazzoletti. Spesso questi venivano appesi su pali fuori dai negozi per essere venduti ai passanti, molti dei quali andavano lì per riacquistare i propri oggetti rubati.

Luoghi affollati come fiere, mercati e rappresentazioni pubbliche erano particolarmente redditizi per i giovani ladri. Nel 1824, per esempio, un quindicenne, Joseph Mee, fu accusato di aver rubato dei soldi durante una rappresentazione pubblica all'Old Bailey; si trattava di un giovane descritto dal magistrato come un delinquente "incallito e indifferente". [Nota 4] Alla Fiera di Greenwich nel 1835 il tredicenne Robert Spencer fu sorpreso da un poliziotto mentre estraeva un fazzoletto dalla tasca di un signore nella folla. Più tardi, nel 1840, un altro poliziotto dichiarò in tribunale di aver visto l'undicenne Martin Gavan e un altro ragazzo "provare diverse tasche" prima di rubare il fazzoletto di un signore in mezzo alla folla che si era radunata intorno a un incidente stradale [Nota 5].

Circa tre su quattro piccoli furti di beni personali registrati nella contea di Middlesex nel primo quarto del XIX secolo furono commessi da persone di età inferiore ai 25 anni, la stragrande maggioranza delle quali erano adolescenti o ragazzi più giovani [Nota 6]. Tra il 1830 e il 1860, oltre la metà degli imputati processati all'Old Bailey per borseggio era di età inferiore ai 20 anni [Nota 7].

Questa prova è ulteriormente supportata dai risultati degli investigatori sociali al lavoro nel corso del XIX secolo. Il giornalista Henry Mayhew, per esempio, ha scritto molto sugli effetti corrompenti della povertà sui giovani. In London Labour and the London Poor, Mayhew descrisse la vita nelle "case a basso reddito" della capitale, dove trovò diversi ragazzi impegnati in piccoli furti quotidiani, tra cui uno che raccontò di essere regolarmente ubriaco all'età di 10 anni. Mayhew descrisse anche le attività dei "Mudlarks": ragazzi e ragazze di età compresa tra gli otto e i quindici anni che saccheggiavano le merci a bordo delle chiatte ormeggiate sul Tamigi.

Tuttavia, gli storici hanno messo in discussione la vera portata della criminalità giovanile nel XIX secolo. I cambiamenti nel modo in cui i bambini potevano essere perseguiti dopo il 1847, i modi più sofisticati di raccogliere statistiche e un'enfasi eccessiva sulla criminalità minorile da parte dei riformatori morali possono aver contribuito a esagerare un presunto aumento della "delinquenza giovanile".

Procedimento penale e punizione

Agli occhi moderni il trattamento dei giovani criminali nel XIX secolo appare particolarmente selvaggio. Dopo il 1800, i bambini di età compresa tra i 7 e i 14 anni erano considerati incapaci di avere intenti criminali, ma potevano comunque essere giudicati colpevoli laddove ciò fosse provato al di là di ogni dubbio. In teoria, i bambini condannati per reati gravi dovevano quindi affrontare la piena punizione della legge. Vale a dire le pene detentive, la deportazione e la morte.

In realtà, le condanne a morte inflitte ai bambini sono state quasi sempre commutate in condanne minori per motivi di clemenza. Dei 103 bambini di 14 anni o meno che furono condannati a morte all'Old Bailey tra il 1801 e il 1836, nessuno fu giustiziato. Quando due tredicenni e un dodicenne furono condannati per un furto con scasso nel 1821, furono "raccomandati alla clemenza della Corte per la loro giovinezza": una frase che fu regolarmente registrata dai tribunali [Nota 8]. L'ultima esecuzione di un minorenne in Inghilterra fu probabilmente quella di John 'Any Bird' Bell, a Maidstone nel Kent nel 1831: un quattordicenne colpevole di omicidio a sangue freddo di un dodicenne durante una rapina a mano armata. La sua condanna a questo punto era già considerata eccezionale [Nota 9].

Le condanne a morte per ragazze e ragazzi di età inferiore ai 16 anni erano in pratica di solito commutate nella deportazione. Negli anni '30 del 1800, ogni anno circa 5.000 prigionieri, alcuni dei quali avevano appena 10 anni, vennero deportati via nave verso le colonie penali in Australia, per scontare pene dai 7 ai 14 anni (e occasionalmente l'ergastolo). Una volta arrivati sani e salvi, i detenuti erano destinati a lavorare a progetti pubblici (come la costruzione di porti o prigioni) oppure venivano affidati come manodopera a datori di lavoro privati, il che (si sperava) avrebbe aiutato a riformare i delinquenti. La deportazione fu infine abolita nel 1857 in seguito alle preoccupazioni sull'effetto deterrente della pena per gli aspiranti criminali.

Con i criminali minorenni sono state regolarmente utilizzate pene alternative. La fustigazione è stata usata frequentemente fino alla fine del secolo. Le fustigazioni potevano essere eseguite rapidamente dopo che le sentenze di colpevolezza erano state pronunciate in tribunale o, altrimenti, venivano comminate nelle carceri come parte delle pene detentive. Negli anni Sessanta del XIX secolo, le fustigazioni dei ragazzi alla corte dei magistrati di Bow Street furono abbandonate perché (secondo un ex magistrato) "le urla dei ragazzi" causavano "un'arrabbiata eccitazione" tra i residenti vicini [Nota 10].

Note

[1] L'equivalente di circa 8000 sterline in denaro di oggi.

[2] Heather Shore, Artful Dodgers. Youth and Crime in Early Nineteenth-Century London (Londra: Royal Historical Society, 1999), p. 24. (Questa è la parafrasi di Heather Shore, anche se il termine era usato comunemente dalla metà del XIX secolo).

[3] Primo rapporto del Comitato sullo Stato della Polizia della Metropoli (Londra, 1817), p. 429; The Times, 28 giugno 1837.

[4] The Times, 1 dicembre 1824.

[5] Old Bailey Proceedings Online (www.oldbaileyonline.org, versione 7.1, 15 febbraio 2014) maggio 1835, processo a Robert Spencer (t18350511-1325) [visitato il 1 aprile 2014]; Old Bailey Proceedings Online, marzo 1840, processo a Martin Gavan (t18400303-902) [visitato il 1 aprile 2014].

[6] Heather Shore, Artful Dodgers. Youth and Crime in Early Nineteenth-Century London (Londra: Royal Historical Society, 1999), p. 59.

[7] Old Bailey Proceedings Online, che indica l'età dell'imputato in cui la categoria di reato è il furto con scasso. L'età dell'imputato è di almeno 1 anno e al massimo 80 anni, tra il gennaio 1830 e il 1860. Conteggio per imputato [visitato il 1° aprile 2014].

[8] Old Bailey Proceedings Online, aprile 1821, processo a James Jordan, William Donald, Thomas Steers (t18210411-20) [visitato il 1° aprile 2014].

[9] The Times, 30 luglio e 2 agosto 1831.

[10] The National Archives, HO 45/7550. Anche citato in L. Radzinowicz e R. Hood, A History of English Criminal Law and its Administration dal 1750. Volume 5: The Emergence of Penal Policy (Londra: Stevens, 1986), p. 715.

Autore

Il dottor Matthew White è ricercatore di storia all'Università dell'Hertfordshire, dove si è specializzato in storia sociale di Londra nel XVIII e XIX secolo. I principali interessi di ricerca di Matthew includono la storia del crimine, delle pene e della polizia e l'impatto sociale dell'urbanizzazione. Il suo lavoro più recente ha esaminato il cambiamento delle modalità di giustizia pubblica nel XVIII e XIX secolo, con particolare riferimento al ruolo svolto dalle folle durante le esecuzioni e le altre punizioni giudiziarie.

Licenza del testo e altre informazioni di copyright

Il testo è rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribution 4.0 International, © Matthew White. Traduzione italiana © 2020, Gianluca Turconi.

Torna a inizio pagina


RSS - FAQ - Privacy

Copyright © 2006-2020 Gianluca Turconi - Tutti i diritti riservati.