La mitologia di Avatar

a cura di Ilario Gobbi

Clicca su una delle copertine sottostanti per leggere il romanzo che preferisci!

Leggi il saggio true crime "Serial killer - vite e crimini di noti assassini seriali" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller  "Codice Silenzio" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi la trilogia fantasy "La Saga del Pozzo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Figli del Congo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Destino criminale" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo crime thriller "Tijuana Express" di Gianluca Turconi su Amazon

Attenzione! Possibilità di spoiler se continuate a leggere!

Nel mondo di "Avatar: l'ultimo dominatore dell'aria" e del suo sequel "La leggenda di Korra", molti individui - ma non tutti - sono in grado di padroneggiare uno solo fra quattro elementi: aria, acqua, terra e fuoco, grazie al ricorso a una sorta di arti marziali.

I protagonisti della serie animata - Immagine utilizzata per uso di critica o di discussione ex articolo 70 comma 1 della legge 22 aprile 1941 n. 633, fonte Internet

I protagonisti della serie animata Netflix "Avatar: l'ultimo dominatore dell'aria".

Esiste anche una quinta abilità, il dominio dell'energia, che permette di manipolare o sopprimere il dominio altrui.

Oltre a ciò, nel corso delle serie vengono presentate anche delle sotto specializzazioni che taluni sono in grado di padroneggiare, come il fulmine per i dominatori del fuoco, il metallo per i dominatori della terra, la guarigione per i dominatori dell'acqua, e il corpo astrale per i dominatori dell'aria.

Costoro costituiscono quindi risorse belliche importanti e la stessa tecnologia offensiva di questo mondo si basa appunto sulla capacità che questi soggetti hanno di creare palle di fuoco, terremoti, inondazioni ecc.

La storia degli Avatar

Nel mondo di Avatar esistono due realtà: quella materiale in cui vivono gli umani e quella degli spiriti popolata da creature fantastiche. Al Polo Nord e al Polo Sud sono presenti due portali che uniscono i due piani di esistenza.

Alcuni spiriti sono penetrati tempo addietro nel mondo degli umani, perciò questi ultimi sono pienamente al corrente della loro esistenza. Purtroppo però gli spiriti possono essere influenzati negativamente quando il loro ambiente nativo viene danneggiato, trasformandoli in violenti spiriti oscuri.

Esistono inoltre un gran numero di creature speciali, come i bisonti dell'aria in grado di volare.

In ogni generazione nasce un Avatar, un soggetto in grado di padroneggiare tutti e quattro gli elementi - aria, fuoco, acqua e terra - e che funge da ponte tra gli umani e gli spiriti, occupandosi di sanare i conflitti che imperversano nei due mondi e di portare equilibrio tra le quattro nazioni: Il regno del fuoco; il regno della terra; i nomadi dell'aria e le tribù dell'acqua.

Ogni volta che l'Avatar muore la sua anima si reincarna in un nascituro appartenente a un dominio elementale differente, secondo il ciclo delle stagioni nel quale il primo Avatar apprese i rispettivi elementi.

Aang ad esempio nasce con il dominio dell'aria, mentre la sua succeditrice Korra con quello dell'acqua. Questa appartenenza influenza anche la facilità con la quale gli Avatar apprendono un potere piuttosto che un altro, siccome un soggetto ha difficoltà a padroneggiare l'elemento che più è lontano dal suo carattere, come Korra l'aria e Aang il fuoco.

Un tempo gli umani vivevano in città collocate sopra spiriti guardiani a forma di enormi tartarughe leone: queste assicuravano ai propri cittadini un potere elementale per fronteggiare i pericoli rappresentati dagli spiriti. Ogni comunità era convinta di essere l'unica e che non ci fossero altre tartarughe leone popolate.

Il giovane Wan venne bandito dalla sua città e andò a vivere nella foresta degli spiriti, dove apprese le usanze di questi ultimi.

Un giorno inavvertitamente si intromise nel combattimento tra Rava - spirito della luce - e Vaatu - spirito dell'oscurità, scindendo il loro legame.

I due spiriti si affrontano ogni 10.000 anni e la vittoria di uno di essi, nel corso della Convergenza Armonica, decreta se l'era successiva sarà preda del caos o dettata dall'ordine.

Vaatu inizia così a corrompere tutti gli spiriti e a fomentare la guerra tra le due specie.

Per fronteggiarlo, durante la Convergenza Armonica del 9829 BG, Wan si allea con Rava e la loro unione spirituale gli garantisce non soltanto il potere di padroneggiare il fuoco, ma anche quello dell'acqua, del vento e della terra.

Nasce così il primo Avatar, che riesce a sigillare Vaatu nel mondo degli spiriti e inizia la sua opera di insegnamento e di equilibrio tra i due mondi.

Con la sua morte, inizia il ciclo di reincarnazioni dell'anima di Wan e di Raava in nuovi esseri umani, che ci porta dopo 10.000 anni alle avventure di Aang e di Korra, i quali sono sostanzialmente nuove identità del primo Avatar con al proprio interno lo spirito della luce.

L'Avatar nasce con il potenziale per dominare tutti e quattro gli elementi, ma deve essere addestrato per padroneggiare questi poteri.

Per questa ragione l'ordine del loto bianco si occupa di rintracciare il nuovo avatar e di proteggerlo contro coloro che vorrebbero asservirlo ai propri interessi o ucciderlo.

Uno dei metodi consiste nel fare scegliere al prescelto tra una serie di giocattoli quelli che appartenevano alla sua precedente identità, per testare se è in grado di riconoscerli.

Quando impara a controllare tutti gli elementi, viene definito un avatar "pienamente realizzato".

L'Avatar può accedere alle sue memorie ancestrali per ricevere supporto in momenti di difficoltà e dialogare con le precedenti identità per ottenere consigli dati dalla loro esperienza.

Il suo potere più potente è lo stato dell'Avatar, una condizione nella quale la sua forza aumenta considerevolmente e può utilizzare tutti e quattro gli elementi contemporaneamente.

Lo stato agisce come una sorta di difesa dell'organismo da un forte stress o da un pericolo mortale, per cui viene attivato spontaneamente o in maniera inconscia.

Si tratta però anche del suo momento di massima debolezza, dato che se un Avatar viene ucciso durante lo stato dell'Avatar il ciclo di reincarnazioni si interrompe e non ne nasceranno mai più altri.

Alcuni Avatar - e pochissimi altri soggetti predisposti - sono in grado inoltre di manipolare le energie vitali inibendo in via definitiva il potere del dominio da un dominatore.

L'ultimo dominatore dell'aria: Aang

Nel mondo di Aang, la cultura dei dominatori dell'aria è stata spazzata via quasi per intero, quando la nazione del fuoco attaccò e sterminò i monaci che vivevano nel tempio dell'aria.

Aang, spaventato dalla rivelazione di essere l'Avatar, era scappato per non affrontare gli oneri del suo ruolo e, durante una tempesta, rimase intrappolato in un iceberg al polo sud nello stato di Avatar, venendo salvato fortuitamente da due ragazzi della tribù dell'acqua del sud: Katara e Sokka.

Nel frattempo sono passati però 100 anni, un secolo di guerre tra la nazione del fuoco e il regno della terra. Siccome Aang non è morto non si è avviata nessuna reincarnazione, e il mondo è rimasto privo di Avatar per un secolo, lasciando imperversare la guerra.

Aang rimane quindi l'unico dominatore dell'aria ancora in vita, con la responsabilità della guerra che nel frattempo è imperversata.

Per questo deve quindi apprendere il dominio di terra, acqua e fuoco per fronteggiare Ozai, il potentissimo signore della nazione del fuoco, prima che il passaggio di una cometa aumenti ancora di più il potere suo e dei suoi dominatori.

Sulle tracce di Aang, Katara e Sokka si mette però il principe Zuko, il figlio di Ozai, e il suo saggio zio Iroh. Il giovane è stato bandito dal padre e intende rientrare nelle sue grazie consegnandogli l'Avatar per facilitargli la vittoria definitiva.

Inizia quindi un lungo viaggio che permetterà a tutti i protagonisti di maturare interiormente e a livello di poteri padroneggiati, in vista dello scontro finale con Ozai, che pianifica di controllare il mondo come un "re fenice".

Korra - Immagine utilizzata per uso di critica o di discussione ex articolo 70 comma 1 della legge 22 aprile 1941 n. 633, fonte Internet

Korra.

La leggenda di Korra

Nella serie successiva "La leggenda di Korra" apprendiamo che lo stato di avatar nel quale Aang è stato rinchiuso per 100 anni ha prosciugato le sue forze vitali, portandolo a una morte prematura intorno ai 55 anni.

Passano quindi 70 anni dagli eventi della serie precedente.

Dopo la fine della guerra dei 100 anni, Aang e Zuko hanno fondato un territorio chiamato Repubblica Unita delle Nazioni, un prodigio di sviluppo tecnologico, la cui capitale è Città della Repubblica.

Il mondo si è evoluto tecnologicamente - sono presenti automobili, aeroplani e mecha da combattimento - e Aang si è reincarnato in Korra, una ragazza della tribù dell'acqua del sud.

Questa ha già appreso rapidamente tutti gli elementi a eccezione dell'aria, per questo viene addestrata da Tenzin, il figlio di Aang e a sua volta dominatore dell'aria.

A inizio della serie quindi Tenzin, i suoi tre figli e Korra costituiscono la totale popolazione di dominatori dell'aria del mondo.

Mentre Korra si trova a Città della Repubblica, rimane invischiata in una vera e propria guerra civile portata avanti da Amon, un carismatico leader che incita i cittadini senza poteri alla rivolta contro i dominatori degli elementi, il quale è in grado di sottrarre permanentemente il dominio alle sue vittime.

Nel corso della serie Unalaq, lo zio di Korra, tenta di approfittare della nuova convergenza armonica per aprire i portali tra il mondo degli spiriti e quello umano per fondersi con Vaatu, lo spirito dell'oscurità, e diventare un Avatar Oscuro destinato a rimodellare il mondo.

Il piano riesce... per un po', ma Korra ripristina la sua connessione con Raava, precedentemente spezzata da Unalaq, e lo purifica, distruggendolo.

Alla fine tuttavia decide di lasciare aperti i portali tra gli umani e gli spiriti, dando origine a un vero e proprio nuovo tipo di mondo dove essi coesistono.

Da un lato la popolazione è spaventata per la presenza di piante e spiriti che rendono la vita molto difficile, dall'altro si creano molti nuovi dominatori dell'aria che vanno a rimpolpare l'esiguo gruppo dei nomadi dell'aria.

Ciò porta al riemergere di una fazione del Loto Bianco denominata il Loto Rosso, guidata da Zaheer. Costoro sono un gruppo di anarchici potenti dominatori che intendono distruggere governi e governanti siccome vedono nel caos lo stato naturale nel quale l'uomo deve vivere.

Per questa ragione cercano di catturare e uccidere Korra mentre è nello stato di Avatar, affinché si interrompa per sempre il ciclo di reincarnazioni.

Le loro azioni portano alla morte della tirannica regina del Regno della Terra e alla caduta del suo regno nel caos. I governanti delle altre nazioni, preoccupati, incaricano Kuvita di ristabilire l'ordine, e questa inizia ad annettere con la forza i vari territori che si erano proclamati indipendenti.

Sorpresa sorpresa, Kuvita non intende rendere il potere al nuovo Re della Terra, che giudica un inetto, e porta avanti una politica aggressiva di conquista per ricostruire per intero il Regno della Terra come era prima della guerra dei 100 anni.

Korra deve quindi combattere contro questa potente dominatrice del metallo che ha dalla sua un poderoso esercito, mecha corazzati e persino cannoni di energia spirituale.

Insomma... siamo partiti con ragazzini con poteri magici, e siamo finiti a parlare di terrorismo e guerre civili. Mica male, eh?

Torna a inizio pagina


RSS - FAQ - Privacy

Copyright © 2006-2021 Gianluca Turconi - Tutti i diritti riservati.