Storie vere di fantasmi napoletani - Prima parte

a cura di Alberto Ferrero

AMAZON: clicca sulle copertine per leggere questi romanzi!

Leggi il romanzo thriller "Protocollo Aurora" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo thriller "La fine del gioco" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "Gli Dei del Pozzo" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "Il Cavaliere del Tempio" di Gianluca Turconi su AmazonLeggi il romanzo science fantasy "La Cappella Nera" di Gianluca Turconi su Amazon

Figure senza forma. Esseri senza tempo. I fantasmi. Una voce dal passato. Un vento di dolore. Un profumo intenso. Una confortevole presenza. Una storia d'amore. La vendetta per un'ingiustizia. Il fio di una proibita passione. Un'ombra nella notte. Mille storie tramandatesi nel tempo. Miriadi di volti da scolpire nella mente. Personaggi celebri, ma anche persone comuni. L'affetto di un padre, il calore di una madre, l'innocenza di un figlio, il rimpianto di una moglie o di un marito, il ricordo di una persona cara mai smarritosi con l'inesorabile trascorrere dei giorni. Tanti luoghi ancora intrisi del sangue di misfatti il cui gelido eco rimbomba lungo le pareti del tempo. Persone legate ancora alle proprie abitazioni. E a un dolore che nemmeno la morte e la relativa gioia dell'aldilà contribuiscono a estirpare. Non noti a tutti, ma solo a coloro che, puri di cuore, sono pronti ad accogliere di buon grado la loro presenza senz'alcun timore od irrisione. Loro. I fantasmi.

KOBO: clicca sulle copertine per leggere questi romanzi!

Leggi il romanzo thriller "Protocollo Aurora" di Gianluca Turconi su KoboLeggi il romanzo thriller "La fine del gioco" di Gianluca Turconi su KoboLeggi il romanzo science fantasy "Gli Dei del Pozzo" di Gianluca Turconi su KoboLeggi il romanzo science fantasy "Il Cavaliere del Tempio" di Gianluca Turconi su KoboLeggi il romanzo science fantasy "La Cappella Nera" di Gianluca Turconi su Kobo

VARIE TIPOLOGIE DI FANTASMI

Fantasma Infestatore

Betsy Bell, figura femminile al centro di fenomeni di poltergeist tra i più famosi della storia spiritistica statunitense, in  un disegno del 1894 pubblicato nel libro di M. V. Ingram sui fenomeni che riguardarono la famiglia Bell nel Tennessee - Immagine in pubblico dominio, fonte Wikipedia

Betsy Bell, figura femminile al centro di fenomeni di poltergeist tra i più famosi della storia spiritistica statunitense, in un disegno del 1894 pubblicato nel libro di M. V. Ingram sui fenomeni che riguardarono la famiglia Bell nel Tennessee.

Il più classico di tutti i fantasmi, indissolubilmente legato a un luogo o a un oggetto. Le infestazioni possono avere carattere maligno oppure, caso assai più frequente, essere del tutto inoffensive. Caratteristica comportamentale di questo tipo di fantasmi è il convivere con esseri viventi senza rendersene affatto conto. Possono apparire sia con lineamenti sfumati che con tratti somatici ben definiti.

Spesso vengono addirittura scambiati per persone in carne e ossa. Famosi sono i casi delle cosiddette "dame bianche" e dei monaci. Teatro delle loro apparizioni non sono solamente le case o i luoghi chiusi. Innumerevoli infatti le segnalazioni di luoghi pubblici che ospiterebbero ancora spettri di questo tipo. I campi di battaglia e i corsi d'acqua sembrano essere i più interessati al fenomeno.

Spiriti

Sono le anime delle persone defunte che ritornano nei loro luoghi di origine per cercare di mettersi in contatto coi vivi. Per comunicare con loro si è soliti servirsi delle cosiddette sedute spiritiche, particolari riunioni svolte alla presenza di un medium. Furono due bimbe americane, le sorelle Fox, ad affermare di poter comunicare con gli spiriti mediante un alfabeto basato sui colpi. Da notare come questa tecnica abbia lasciato il segno anche nella nostra cultura. Pare infatti che derivi proprio da questa tecnica il detto: "Se ci sei, batti un colpo!".

Poltergeist

L'appellativo poltergeist deriva dai termini tedeschi "polter" (frastuono) e "geist" (fantasma). Trattati spesso nella cinematografia, i Poltergeist possono essere definiti in base a due direttive.

Secondo lo spiritismo, il Poltergeist è definibile come una infestazione temporanea caratterizzata da fastidiosi rumori, lancio di oggetti di ogni tipo, spostamenti di mobili e altro ancora. Una sorta, insomma, di spirito burlone che si diverte a spaventare gli abitanti delle case interessate al fenomeno.

Secondo la parapsicologia, invece, tali fenomeni sarebbero il prodotto di alcune doti psichiche che permetterebbero a determinati soggetti di interagire, a loro insaputa, con la realtà materiale circostante. Nessuno spirito, dunque, ma pura energia psichica di grande intensità.

Fantasmi Familiari

Tipici dell'Irlanda, uno dei paesi più infestati in assoluto, a Dublino li chiamano Banshee, "Donne Fate". Loro caratteristica è l'essere legati a una determinata famiglia.

Danno luogo a manifestazioni davvero inquietanti, per via infatti dei loro lunghi e orribili lamenti notturni. Non appaiono molto spesso, ma pare che il loro aspetto sia quello di una donna dai capelli rossi e dagli occhi verdi.

La caratteristica che li contraddistingue è quella di essere ascoltati soltanto dai componenti della famiglia. Sono purtroppo presagio di un lutto imminente.

Fantasmi di Animali

Frequenti, ma non sempre così spaventosi come si racconta. Molto spesso infatti vengono anche segnalati spettri di gentili bestiole domestiche.

Apparizioni - Crisi

Apparizioni alquanto singolari, riguardano persone comparse nel momento stesso in cui muoiono o stanno per lasciare questo mondo.

Secondo la parapsicologia, queste apparizioni sarebbero dovute al momento particolarmente drammatico o ad alto contenuto emozionale che un individuo si appresta a vivere. In tali circostanze, il soggetto invierebbe telepaticamente la propria immagine a una persona a lui cara che la riceverebbe inconsciamente.

Per lo spiritismo, invece, l'apparizione-crisi sarebbe una visita che lo spirito in questione farebbe a una persona amata appena pochi istanti prima di lasciare la dimensione terrena.

Fantasmi di Oggetti

Esistono, eccome. Si va dagli antichi abiti alle armi, dagli aeroporti ai galeoni.

Segnalati in più occasioni alberghi e case fantasma che comparirebbero e svanirebbero senza lasciare la benché minima traccia, tra lo stupore di clienti e inquilini. Anche in Italia sono stati segnalati oggetti fantasma quali antiche navi e persino antichi alberi spettrali.

FIGURE RICORRENTI

Fantasmi Femminili

La donna, una continua e affascinante presenza, al centro di alcune delle apparizioni più famose. Numerose sarebbero le antiche dimore, soprattutto medievali, infestate da rappresentanti del gentil sesso. Tali apparizioni sono quasi sempre legate a tragici avvenimenti.

La donna, in particolare nell'alto medioevo, rivestiva un ruolo sociale alquanto nullo e questo la poneva in balia del potere del signorotto di turno che, pur di sottometterla, non si sdegnava di ricorrere a mezzi a dir poco convincenti. Rinchiusa in una vita ingenerosa, in un'esistenza monotona e priva di profondi significati, spesso era costretta a sposarsi semplicemente per interesse, di certo mai per amore.

Molte quindi le relazioni extra-coniugali scaturite da tale ingiusto destino. Relazioni che, se scoperte, i mariti traditi arrivavano a punire persino con la morte. Ma numerosi furono anche i casi di suicidi.

Donne in cerca di forti emozioni, amanti focose e compagne malfidate. Le apparizioni più frequenti hanno per protagoniste dame tristi e rassegnate, dame sofferenti ed ancora oggi in grado di regalare inebrianti sensazioni a chi abbia la fortuna di incontrarle.

Dame dall'indole focosa e dallo sguardo irresistibile. In base al colore degli abiti che indossano, vengono chiamate in vari modi: "Dame Bianche", "Dame Nere", "Dame Rosse" e molte altre ancora. Il bianco il colore che, più degli altri, caratterizza la maggior parte delle apparizioni femminili.

Fantasmi Militari

I fantasmi di militari e altre figure legate a morti in battaglia, come il pirata dell'immagine, sono comuni anche nell'area partenopea - Immagine in pubblico dominio, fonte Wikipedia

I fantasmi di militari e altre figure legate a morti in battaglia, come il pirata dell'immagine, sono comuni anche nell'area partenopea.

Nei castelli medioevali segnalati spesso cavalieri che farebbero la loro comparsa armati fino ai denti. Veri e propri accampamenti militari sono stati notati nell'Italia centro-settentrionale.

Molti inoltre coloro che affermano di essersi ritrovati nel bel mezzo di una battaglia. Anche i tristemente noti conflitti mondiali avrebbero lasciato tracce indelebili nelle piazze delle città e sulle vette di diverse montagne. Molte di queste apparizioni sono spesso accompagnate da una miriade di rumori: cavalli lanciati al galoppo, cozzare metallico ed urla di incitamento. Non mancano poi fenomeni uditivi quali il rombo dei caccia e l'eco di antichi colpi di cannone.

Fantasmi di Chiesa

Anche l'antico clero, quale figura dominante, soprattutto nel medioevo, emerge dal passato approdando ai giorni nostri. Nel periodo feudale divennero prevalenti le congregazioni monastiche ed i luoghi di culto e preghiera. I monaci erano custodi della cultura del tempo e della parola di Dio, difensori della scienza e della fede. Nel nostro paese sono state segnalate diverse processioni durante le quali miriadi di persone, incappucciate nei loro abiti talari, eleverebbero lodi a Dio.

Funzioni religiose si riproporrebbero ancora oggi all'interno di antichi conventi e cappelle. Le figure religiose apparirebbero in fervida preghiera oppure impegnate a chiedere perdono per aver ceduto alle tentazioni della vita quotidiana. I canti e lo sfogliare di antichi messali fanno spesso da contorno a tali singolari visioni.

Fantasmi da Autostop

Autostoppisti fantasma. Diverse le testimonianze in proposito. La dinamica di questi incontri è quasi sempre la stessa. Un ignaro automobilista incontra per caso un passante fermo ai bordi della strada. L'automobilista lo raccoglie e dopo aver percorso qualche chilometro, distogliendo lo sguardo dal volante, si accorge di essere inspiegabilmente rimasto solo nella vettura.

Da notare come, molto spesso, compaiano suggestive varianti di questi racconti. Lo spettro si rivelerebbe tale solo dopo essere stato accompagnato dinanzi ad un cimitero. In altre occasioni l'automobilista, solo dopo aver ottenuto un recapito dell'autostoppista, spesso viene a conoscenza del fatto che a tale indirizzo il diretto interessato o non risiede affatto o risulta deceduto da qualche anno.

Torna a inizio pagina


RSS - FAQ - Privacy

Copyright © 2006-2017 Gianluca Turconi - Tutti i diritti riservati.